Collegio periti Trieste
× × × × × × × ×

Il collegio

Il Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati è un Ente pubblico non economico, istituito con legge dello Stato e posto sotto l’alta vigilanza del Ministero di Grazia e Giustizia (art. 20 R.D. 275/1929); ad esso deve essere obbligatoriamente iscritto chi, in possesso di specifici requisiti, intende poter esercitare la libera professione.

Al Collegio sono affidati i seguenti compiti:

  • la conservazione dell’Albo professionale, con le relative iscrizioni, cancellazioni ed aggiornamenti;
  • la sorveglianza sull’esercizio e la tutela delle funzioni proprie della libera professione, attraverso la segnalazione di abusi alla magistratura;
  • l’elaborazione e l’applicazione del codice deontologico della professione;
  • il perfezionamento formativo e professionale degli iscritti;
  • l’espressione di pareri su materie che riguardano la categoria nei confronti di Enti ed Istituzioni pubbliche.


PROFESSIONE REGOLAMENTATA

La professione di perito industriale e di perito industriale laureato, come ogni altra professione avente natura “tecnica”, è identificata come professione intellettuale, regolamentata e riservata:

  • “intellettuale” ovvero che ha per oggetto una prestazione d’opera intellettuale. L’opera intellettuale consiste nell’applicazione concreta di cognizioni tecniche e scientifiche nell’opera stessa che è l’oggetto della prestazione.
  • “regolamentata” poiché per l’esercizio dell’attività è necessario il possesso dei requisiti di legge (abilitazione professionale, iscrizione all’albo) e perché risulta disciplinata da specifiche normative riguardanti sia l’accesso alla professione sia al suo esercizio.
  • “riservata” in quanto la legge di regolamentazione della professione stabilisce le attività di competenza riservate agli iscritti all’Albo, ovvero esclusive della professione stessa.

La regolamentazione, quale particolare connotato della professione intellettuale, porta a qualificare il professionista come “persona esercente un servizio di pubblica utilità”, ovvero come “pubblico ufficiale” quando presta la propria opera per conto di una Pubblica Amministrazione.


PERCHE’ FARNE PARTE

L’iscrizione al Collegio dei Periti Industriali è obbligatoria, a seguito del superamento dell’esame di stato, per l’esercizio della libera professione. Tuttavia è largamente diffuso iscriversi anche se non si esercita la professione per godere dei servizi offerti dal Collegio, tra cui essere sempre aggiornato sui corsi di formazione e le novità normative nonché il desiderio di appartenenza alla categoria e il prestigio sociale che ne consegue.


COME FARNE PARTE

Per iscriversi al Collegio dei Periti Industriali e Periti Industriali laureati è necessario aver superato l’esame di Stato abilitante all’esercizio della libera professione di Perito Industriale.

 

RIFERIMENTI

Download Documento
icon_pdf Abbreviazione titolo Perito Industriale
icon_pdf Codice Deontologico 2013
icon_pdf DLgs 382_1944 – Norme sui Consigli degli ordini e Collegi e sulle Commissioni centrali professionali
icon_pdf Legge 897_1938 – Norme sulla obbligatorietà dell’iscrizione negli albi professionali e sulle funzioni relative alla custodia degli albi
icon_pdf Regio decreto 275_1929 – Regolamento per la professione di Perito Industriale

 

Mappa del sito| Disclaimer| Privacy|
Collegio Periti Industriali Trieste
Sede:
Via Giosuè Carducci 22 – 34125 Trieste
Tel. e Fax 040.362917
PEC collegioditrieste@pec.cnpi.it
Orari segreteria:
LUN-MER dalle 17.00 alle 19.30
MAR-VEN dalle 11.00 alle 13.00
Email info@periti-industriali.trieste.it
Orari formazione continua:

MAR-MER-GIO dalle 17.00 alle 19.30
Email formazione@periti-industriali.trieste.it
Codice Fiscale: 80018920324 | Codice: UFE8Y7 | Codice IPA: cpipr_ts
Powered by SGSA