Al fine di garantire la qualità ed efficienza della prestazione professionale, nel migliore interesse dell’utente e della collettività, ogni professionista ha l’obbligo di curare il continuo e costante aggiornamento delle proprie capacità e competenze.

 

IMPEGNO FORMATIVO
Il Perito Industriale iscritto all’Albo deve garantire un impegno formativo all’interno dell’arco temporale, stabilito in cinque anni.

In tale periodo si dovranno acquisire complessivamente 120 C.F.P. (crediti formativi professionali), con un minimo di 15 CFP all’anno.

L’iscritto deve inoltre acquisire almeno 3 CFP all’anno in attività formative riguardanti l’etica, la deontologia, la materia previdenziale, e quant’altro costituisce aggiornamento della regolamentazione del Collegio.

 

IMPEGNO FORMATIVO NUOVI ISCRITTI
Per i nuovi iscritti all’albo l’obbligo formativo annuale decorre dal primo gennaio dell’anno successivo a quello di iscrizione. Tale previsione non è applicabile in caso di cancellazione e successiva reiscrizione.

 

RIDUZIONE DELL’IMPEGNO FORMATIVO
Fatta salva l’obbligatorietà della formazione, per coloro che certificano il non esercizio della professione viene autorizzata, su richiesta dell’interessato, la riduzione dei crediti da conseguire e comunque dovrà essere garantito un impegno formativo nell’arco temporale di 5 anni, tale da acquisire complessivamente 40 CFP

Il professionista in attività che abbia superato il 65° anno di età dovrà garantire un impegno formativo, nell’arco temporale di 5 anni, tale da acquisire complessivamente 40 CFP

 

ESENZIONE TEMPORANEA DELL’IMPEGNO FORMATIVO
L’impegno formativo può essere interrotto per esenzione. La riduzione del numero dei crediti da conseguire sarà calcolata pro-mese in funzione di quanto riportato nella documentazione, ovvero autocertificazione, prodotta dal Perito Industriale ed in riferimento al numero massimo di crediti conseguibili. L’interruzione temporale per esenzione può essere concessa per:

  • gravidanza e/o maternità/paternità fino a tre anni di età del figlio;
  • grave malattia e/o intervento chirurgico;
  • per interruzione dell’attività professionale per almeno quattro mesi consecutivi, opportunamente documentata, a qualunque titolo dovuta, compresi i casi di forza maggiore;
  • può essere comunque richiesta dall’interessato anche per gravi e documentati motivi diversi da quelli sopra elencati.

 

Regolamento per la Formazione 2017 2.98 MB 232 downloads

...